I quattro vincitori del concorso “Una Nastro Azzurro con” saranno protagonisti di “Portami Lontano”, un reality che Sky trasmetterà questo autunno. Solo uno di loro andrà a San Francisco alla start up school “Mind The Bridge”

Si sono concluse le selezioni del concorso “Una Nastro Azzurro con” e sono stati individuatati i quattro progetti di start up più originali nei campi Moda, Food, Tech e Design arrivati. I giovani selezionati parteciperanno al nuovo talent di Sky “Portami Lontano”. Ognuno di loro sarà seguito da un “Mentore”, una figura professionale di prestigio che opera nel settore prescelto per la loro start up, che darà loro consigli e suggerimenti. Uno soltanto però riuscirà a realizzare il suo sogno: sviluppare la propria idea imprenditoriale grazie a un corso presso la prestigiosa start up school “Mind The Bridge” di San Francisco.

I vincitori del concorso sono stati scelti tra 120 giovani talenti, che hanno presentato proposte molto valide. «Siamo orgogliosi del successo di questo concorso – ha dichiarato Sabrina Fontana, Marketing Manager di Nastro Azzurro – e della grande adesione dei giovani talenti della Moving Forward Generation. Un segnale forte che ci conferma quanto i giovani italiani siano desiderosi di crescere, di mettersi in gioco e, appunto, andare lontano».

“Remade your denim“, “Foodoor.it”, “Interiorbe”, “Handsapp”. Sono i quattro progetti che Nastro Azzurro porterà lontano

La vincitrice della sezione Moda è Alessandra Ribello, classe 1986 e appassionata di moda. È stata selezionata per il progetto “Remade your denim”, che si propone di dare nuova vita al proprio jeans puntando a garantire qualità, stile e sostenibilità. Il suo Guru sarà Luca Rubinacci, fashion designer, erede di una famiglia di grandi sarti napoletani e fondatore della giovanissima linea prét à porter “Rubinacci”.

Andrea Marconi è stato il più bravo nella sezione Food, con l’ideazione di “Foodoor.it”: si tratta di un box, consegnato a domicilio, con tutto ciò che serve (videoricetta compresa) per cucinare una cena top. Il suo mentore sarà Gino Sorbillo, uno dei pizzaioli napoletani più apprezzati al mondo per tradizione ed eclettismo, fondatore della Accademia della Pizza.

La ventiseienne milanese Federica Sala ha maturato la sua esperienza in diversi studi di architettura di Bergamo, Lecco e Milano spaziando tra l’industrial design, la progettazione residenziale e il retail. Vince, per la sezione Design, con l’originale progetto “Interiorbe”: un portale online che rende l'interior design di qualità accessibile a tutti. La sua tutor, Lorenza Bozzoli, industrial designer che lavora per grandi nomi come Alessi, Moooi, Spazio Pontaccio, l’aiuterà a realizzare questo sogno.

Marco Tittarelli con “Handsapp”, una game app con finalità benefiche che per prima unisce, in un’unica piattaforma, aziende, giocatori ed enti no profit, ha vinto la sezione Tech. Avrà come mentore Benedetta Lucini, General Manager di Uber, tornata dagli States in Italia per guidare una delle realtà aziendali più innovative del momento.

Per questi quattro giovani sarà un'estate di intenso lavoro, tra le riprese del programma, la promozione dello stesso e lo sviluppo delle attività. Alla fine ne resterà solo uno, ma per tutti sarà stata una significativa esperienza.