L'inaspettata vita di Tom Franz: nato in Germania, ha raggiunto il successo in Israele e tutto nasce da un libro italiano. Oggi star televisiva in due nazioni, domani vuole un suo ristorante

Dalle aule dei tribunali ai cooking show in televisione. È la storia di Tom Franz, ha una carriera originale e particolare: è tedesco, ma ha raggiunto la popolarità in Israele, ed oggi è una sorta di ponte ideale tra le cucine dei due paesi. Ma ha anche un legame con il nostro Paese, l'Italia.

«È dalle pagine di un libro di cucina italiana, Il cucchiaio d'argento, che è nata e si è sviluppata la mia passione per la cucina», ha spiegato Franz. Giovanissimo studente nella sua città natale, Colonia, è seguendo le ricette della cucina tradizionale italiana che ha costruito manualità e creatività ai fornelli. Lo abbiamo incontrato in occasione dell'apertura, nel padiglione di Israele a Expo 2015, della mostra fotografica diDan Lev, fotografo israeliano tra i più quotati al mondo nel campo della food photography. Gli scatti esposti sono stati realizzati proprio per l'esposizione universale milanese. Trentaquattro immagini che raccontano altrettanti chef: metà israeliani e metà italiani. Al vernissage c'era anche lui, Tom Franz, star dei fornelli televisivi, vincitore di Masterchef Israele, che ha raccontato come quella passione, che per decenni era rimasta al livello di semplice hobby, si sia trasformata in professione. Grazie a sua moglie Diana.

Da passione a professione il passo è stato breve, per Tom Franz il tempo di vincere Masterchef Israele

Per comprendere cosa ci facesse un tedesco di Colonia in Israele, dobbiamo fare un passo indietro nel raccontare la storia di questo ragazzone che sfiora i due metri di altezza.

«Durante gli anni del liceo ho preso parte ad un programma di scambio tra scuole. Sono quindi andato a studiare in Israele, e lì mi sono innamorato di questo Paese, del suo popolo, e naturalmente della sua cucina, così colorata, così intensa nei gusti e nei profumi, così diversa da quella tedesca».

Tanto innamorato da tornarci negli anni successivi, fino a trasferirsi e cominciare lì una carriera da avvocato. Professione che è stata la sua fino a pochi anni fa. Fino a Masterchef.

«Diana, mia moglie, conosce molto bene l'ambiente gastronomico israeliano: era Pr per l'industria alimentare quando ci siamo incontrati», ha raccontato Franz.

«Mi aveva sempre detto – ha proseguito Franz – che cucinavo in modo incredibile. La prima volta che ho cucinato per lei quasi scoppiava a piangere, 'Come fai a cucinare così bene', mi diceva spesso. E io rispondevo sempre che cucinavo nel modo che a me sembrava naturale, non ho una vera formazione culinaria, seguivo solo il mio istinto. E lei mi ripeteva spesso che avevo talento, che avrei dovuto sfruttarlo meglio. Ma io ero un avvocato, non un cuoco».

Un avvocato, professionalmente lanciato, e già oltre i trenta anni di età: non pensava certo di poter iniziare una nuova carriera in un campo così diverso, così lontano dalla professione per cui aveva studiato e si era laureato. Fino, appunto, a Masterchef, l'occasione che Diana aspettava per convincere il marito a dedicarsi ai fornelli.

«Io ero completamente contrario. Non amo la televisione. Non la guardavo nemmeno. Men che meno i reality”, ha confessato.

Evidentemente, però, il martellamento della moglie ha avuto effetto: Franz ha ceduto, si è presentato alle selezioni per l'edizione israeliana del format televisivo, le ha superate ed è entrato nel programma. Diventandone, con il passare del tempo, la vera e propria star. E alla fine il vincitore.

«Il giorno della finale Masterchef ha fatto uno share incredibile: 52 per cento. Una cosa incredibile. Il più alto di tutti i tempi», ha ammesso Franz.

È venuta perfino una troupe televisiva dalla Germania, per seguire la vicenda di un cuoco tedesco che vinceva una competizione culinaria in Israele. Una vittoria che gli ha aperto le porte di una nuova carriera. Oggi Franz non frequenta più le aule dei tribunali, non si occupa più di vicende legali: il suo campo di battaglia sono le cucine negli studi televisivi, nel suo paese adottivo, Israele, ed in quello che gli ha dato i natali, la Germania. Masterchef lo ha reso una star in tutti e due, e passa il suo tempo andando avanti e indietro da un paese all'altro, presentando ricette tedesche in Israele e ricette israeliane in Germania. E ancora stenta a credere che tutto questo stia realmente accadendo.

In quanto al suo stile in cucina, Franz lo descrive come «una combinazione della tradizione tedesca con quella israeliana. In Germania la cucina mediterranea è molto amata, ma quando si pensa e si parla di cucina del mediterraneo la mente va all'Italia, alla Spagna, forse alla Grecia. Paesi come Israele, come l'intero Medio oriente, non sono considerati, eppure hanno una cucina così intensa nei profumi e nei sapori, così colorata. Una cucina che mi ha fatto innamorare dal primo momento che l'ho incontrata. E oggi, nei miei programmi televisivi, cerco di presentarla ai tedeschi. Magari adattando il sapore al loro palato, non abituato a gusti così forti e intensi».

Il prossimo passo è l'apertura di un ristorante tutto suo. «Offerte ne ho ricevute tantissime, sia in Israele che in Germania – ha detto Franz – ma gli impegni con la televisione non lasciano spazio per aprire un ristorante, al momento».