La cantina dell’Oltrepò La Piotta, ha scelto il Vinitaly per presentare il nuovo vino 89/90 Rosso, ottenuto da uve Barbera e Cabernet Sauvignon

La cornice scelta dalla cantina La Piotta per presentare il nuovo 89/90 Rosso è il Vinitaly. Si tratta di un rosso particolare, che va ad affiancare il 89/90 Bianco e completare così questa coppia di vini che rappresentano la terza generazione della famiglia Padroggi.

Un vino creato per festeggiare la terza generazione dei Padroggi

Per la cantina dell’Oltrepò è il primo Vinitaly e hanno scelto di stare nello spazio Fivi, Federazione italiana vignaioli indipendenti. Il vino presentato in anteprima è un rosso composto da Barbera (70 per cento) e Cabernet Sauvignon (30 per cento). Nasce da una attenta selezione delle uve e affina 12 mesi in tonneau. Un vino che sin da subito si presenta elegante, eleganza che dal naso arriva sino in bocca, i profumi sono quelli tipici dei frutti rossi, con note di spezie. Di facile beva, dà piacevoli sensazioni in bocca con un bell’equilibrio che accompagna sin dal primo sorso.

Caratteristica de La Piotta è la sua scelta di fare una viticoltura biologica e rispettosa dell’ambiente, attenzione che si ritrova anche nei vini prodotti, dagli spumanti a base di Pinot Nero, sia metodo classico sia metodo Martinotti (un po’ di nazionalismo non fa male, a livello internazionale è il metodo Charmat, ma questa è un’altra storia), anche in versione Cruasé, passando per il Riesling Italico, la Barbera e la Bonarda. Quest’ultima ha ottenuto anche la certificazione vegan.

Una curiosità su come è nata l’etichetta 89/90. Questi due numeri sono gli anni di nascita di Enrico e Luca, i due nipoti del fondatore della cantina Luigi Padroggi, che rappresentano la terza generazione di questa famiglia. Due vini, il bianco e il rosso, per celebrare la continuità.