La Collina dei Ciliegi presenta Il Classico I, un metodo classico di grande personalità con uve proveniente dalle colline veronesi. Provato in anteprima da De-gustare

La vita ci riserva sempre delle prime volte, eventi sempre emozionanti, e in ogni caso sono momenti che non si dimenticano. Come non si può dimenticare la prima volta che abbiamo assaggiato il nuovo spumante de La Collina dei Ciliegi. Essendo una prima volta anche per loro l’hanno chiamato Il Classico I, il loro primo metodo classico, nato sulla dolci colline veronesi che ricevono i benefici influssi del microclima che solo il Lago di Garda può dare. Nasce da una miscela dei tre vitigni principe per la spumantizzazione: Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardonnay. Gli stessi usati nella regione dello Champagne, proprio gli stessi, infatti, i vitigni provengono da quella zona della Francia e hanno trovato qui le condizioni ideali per dare origine a questo spumante. Le percentuali sono 75 per cento di Pinot Noir (visto che è francese d’origine), 10 per cento Pinot Meunier e 15 per cento Chardonnay. Una volta imbottigliato, sui lieviti sta 36 mesi e riposa a 600 metri d’altezza, nel borgo di Erbin, a Grazzena (Vr), dove ha sede la cantina de La Collina dei Ciliegi. Un luogo dove la tranquillità regna sovrana e in tutta tranquillità le bottiglie hanno riposato dal 2011 sino a oggi. Ma non tutte sono pronte per il mercato: tante rimarranno sui lieviti per molto tempo ancora, in moda da rivelare tutte le potenzialità di questo spumante.

Il Classico I che abbiamo assaggiato fa parte della prima tornata, quella lasciata sui lieviti 36 mesi e dopo la sboccatura è stata fatta riposare ancora alcuni mesi in bottiglia. Nel bicchiere si è presentato di un color giallo dorato con un bel perlage, al naso era una sinfonia di profumi: dalla fragrante crosta di pane ai sentori fruttati, floreali e agrumati – grazie al Pinot Meunier – in continua evoluzione. In bocca equilibrato, bilanciato in tutte le caratteristiche che deve avere uno spumante: acidità e sapidità. Si tratta di un prodotto evoluto, uno spumante ricco, tridimensionale, in grado di accompagnare un momento conviviale dalla fase dell’aperitivo sino alla fine, evolvendo con il cambiare della temperatura, senza mai far diminuire la voglia di berlo. Ogni sorso una coccola.