La terza edizione della Gran Fondo del Gallo Nero ha fatto registrare un boom di presenze. La gara ciclistica è stata vinta da Francesco Cecchini che ha ricevuto come premio l’equivalente del suo peso in Chianti Classico

Settecento cicloturisti, amatori e professionisti provenienti da tutto il mondo, hanno partecipato alla terza edizione della Gran Fondo del Gallo Nero, corsa ciclistica promossa dal Consorzio Vino Chianti Classico in collaborazione con la Chianti Classico Company. Quest'anno le iscrizioni sono cresciute del 40 percento e i partecipanti hanno potuto scegliere tra due percorsi, uno di 135 km e uno di 79 km, che si snodavano tra le incantevoli colline dove da sempre si produce il Chianti Classico, quello del Gallo Nero.

Un tratto della Gran Fondo è particolare: da Radda sale tra olivi e vigneti per immergersi in un suggestivo bosco che precede l’arrivo al Valico del Morellino: sette chilometri e mezzo con alcune pendenze che toccano il 17 per cento. La “Scalata del Morellino”, come la chiamano i ciclisti locali, è una sfida impegnativa che non ha tuttavia scoraggiato gli atleti presenti. Il più abile è stato Francesco Casagrande che, per la seconda volta, ha vinto la crono del Morellino.

Sport, vino e paesaggi incantevoli sono gli elementi di successo di questa gara ciclistica

Francesco Cecchini invece si è aggiudicato il primo premio per il percorso lungo: 135 km in sole tre ore, 48 minuti, 10 secondi. Tagliato il traguardo, Cecchini è stato messo su una stadera da cantina: i suoi 62 chili sono stati premiati con 54 bottiglie di Chianti Classico. Il vincitore, infatti, viene premiato con l'equivalente del suo peso in bottiglie. Subito dopo Cecchini sono arrivati Jacek Keys Hibbert e da Michele Scotto d’Abusco. Tra le donne, la prima a tagliare il traguardo è stata Susanna Iscaro, che ha percorso i 135 km in 4 ore, 42 minuti e 24 secondi.

Tutti gli atleti sono stati accolti e festeggiati in piazza a Radda, presso il Gallo nero Village. I ciclisti si sono ripresi dalle fatiche con il buffet delle eccellenze gastronomiche ed enologiche del territorio, tutti prodotti Dop forniti da Aicg (Associazione Italiana Consorzi Indicazione Geografica): 100 i chili di pasta Fabbri consumati, accompagnati dai vini del Gallo Nero, insieme ad altri prodotti locali e italiani Dop e Igp come Pecorino Toscano, Prosciutto Toscano, Salamino Cacciatore, Grana Padano e Olive Bella della Daunia.

La Gran Fondo unisce sport, buon bere e buon cibo. Visto il successo che sta riscontrando tra gli appassionati del ciclismo, gli organizzatori stanno pensando di trasformala in un appuntamento fisso, come spiega Sergio Zingarelli, presidente del Consorzio Vino Chianti Classico: «Siamo molto soddisfatti di questa terza edizione della Gran Fondo del Gallo Nero. Una partecipazione così numerosa alimenta ancora di più la prospettiva di trasformare la gara in un evento stabile. Grazie alle condizioni meteo favorevoli, ai bellissimi paesaggi, al nostro buon vino, allo spirito agonistico unito alla convivialità, il Gallo Nero oggi ha offerto il meglio di sé alle centinaia di atleti presenti».