Cresce, poco, ma cresce. Si parla di franchising, la formula per vendere in affiliazione, per affidare il proprio futuro a un marchio o a un prodotto particolare o di tendenza. Il primo trimestre del 2016 ha fatto segnare, rispetto allo stesso periodo del 2015, un incremento dello 0,3 per cento. un dato che per gli esperti del Centro Studi del Salone del Franchising rappresenta una conferma di rinnovato interesse a questa modalità di commercio.

Per gli operatori gli esercizi commerciali dedicati al food continueranno a crescere

Rispetto ad alcuni anni fa il panorama del franchising è profondamente cambiato e oggi il settore trainante è quello del food che ha fatto segnare un più 9 per cento di crescita nel primo trimestre, arrivando a essere il 29 per cento di tutti i locali commerciali in franchising. Una dimostrazione di interesse per tutto quello che riguarda tutto quello che ruota attorno al mondo del cibo e del vino, anche dal punto di vista commerciale.

«Tutto il comparto Food sta crescendo, sia nella distribuzione ordinaria sia nel franchising – conferma Paolo Aruta di Fratelli La Bufala – e pensiamo possa crescere ancora, sia in Italia sia all’estero. Abbiamo 70 ristoranti, di cui circa 15 all’estero, di cui 30 sono gestiti direttamente ed il resto in franchising. Abbiamo aperto a Londra, Dubai, Shangai, Il Cairo e puntiamo ad incrementare i piani di sviluppo internazionale. Presentiamo la tradizione gastronomica napoletana rivisitata in chiave moderna, con tante novità, come il Menù per Bambini elaborato dai nutrizionisti».

Ma il progetto dei Fratelli la Bufala non è il solo. Negli ultimi tempi sono sorte molti nuove insegne, come quelle delle patatine fritte da passeggio che hanno invaso le strade di Milano. Le prospettive sono dunque interessati. Chi volesse intraprendere una nuova carriera, magari tra gelati, pizze, patatine o altre offerte può prepararsi a fare un giro al Salone del Franchising che si terrà a Milano, in Fieramilanocity dal 3 al 5 novembre prossimo.