Una romantica cena di San Valentino con piatti che si ispirano a quelli amati da Casanova, che visitò il Castello di Spessa a Capriva del Friuli nel 1773

Seduzione e passione nel giorno di San Valentino sono di rigore, ma chi più di Giacomo Casanova incarna questi sentimenti? Il grande seduttore e avventuriero veneziano nel 1773 ha soggiornato nel Castello di Spessa a Capriva del Friuli e oggi è proprio a Casanova che viene dedicata la serata di San Valentino al ristorante del castello.

Le memorie di Casanova hanno ispirato le chef Tonina Venica

Avrà sicuramente fatto strage di cuori anche tra le dolci colline del Collio e ne ha apprezzato i vini prodotti. Tutto il menu proposto si ispira alla sua figura e i piatti realizzati dallo chef Tonino Venica nascono da una sua interpretazione di quelli amati da Casanova, che ci ha lasciato descritti nelle sue memorie. Al Castello di Spessa, inoltre, in memoria della visita del 1773 hanno dedicato un vino alla sua figura, un Pinot Nero proveniente dai vigneti che circondano il castello e che affina nelle cantine medievali scavate nella collina sottostante il maniero.

A tutte le esponenti di sesso femminile che saranno presenti alla serata di San Valentino sarà offerta una galanteria di Casanova, mentre una fortunata coppia potrà vincere un pernottamento nella Suite Casanova. In ogni caso è possibile pernottare, o trascorrere l’intero fine settimana, nel Castello o nella vicina Tavernetta al Castello, quest’ultima è ricavata da antichi rustici presenti nella tenuta. Il Castello di Spessa risale al 1200 e si trova nel cuore del Collio goriziano. Oggi ospita 15 suite arredate con mobili del ‘700 e ‘800. Gli amanti del golf possono cimentarsi con le 18 buche di un percorso che ha come cornice le dolci colline del Collio. I vini proposti nei ristoranti della struttura provengono tutti dai vigneti della tenuta.

Nella serata del 14 febbraio, inoltre, una coppia particolarmente innamorata potrà cenare in una delle due Sale della dichiarazione d’amore. Sarà un cena intima, senza nessun’altra intorno e lontani da occhi indiscreti, soli con un cameriere a disposizione che servirà cibo e vino. A fine cena sarà possibile passeggiare sotto le stelle nel parco del Castello dove sarà allestito un percorso in 10 tappe tra alberi secolari, bersò, balconate ornate di statue. A ogni tappa si troverà uno scritto di Casanova dedicato all’amore, alle donne, all’amicizia e alla vita.