La Caffè Milani, La storica torrefazione di Como ha aperto un Museo per raccontare la propria storia e quella della bevanda più bevuta al mondo

Ottanta anni. E non li dimostra. Al contrario, per celebrare adeguatamente la ricorrenza, ha rinnovato la propria, storica, sede, trasformandola in un esempio di altissima architettura e ingegneria, oltre che, naturalmente, in un sito di produzione ad alta efficienza ed efficacia. Parliamo della Caffè Milani, storica azienda di Como, che ha dato vita e aperto al pubblico un museo, l'Esposizione Caffè Milani, in cui ha raccolto reperti preziosi, organizzandoli nel racconto di una storia. .

L’aroma del caffè tostato invadeva le strade del centro di Como nel 1937

Una storia che ha preso il via nel 1937, dalla bottega di Celestino, che riempiva l'aria del centro storico di Como – il Duomo era proprio lì, a due passi – di un aroma assolutamente irresistibile per chiunque si trovasse a passare in quelle viuzze strette. Pierluigi, il figlio, la portò appena fuori città, a Lipomo, dove si trova tuttora. Dove la Storia ha continuato la sua strada, sempre rivolta al futuro e all'innovazione.

Storia, Futuro, Innovazione sono quasi delle parole d'ordine, per la Caffè Milani. Rappresentano il filo che lega ogni iniziativa, ogni progetto, messo in atto da Celestino prima, da Pierluigi poi, per arrivare alle generazioni di oggi. E accanto ai locali dove avviene la produzione, è stato aperto un Museo: tre piani che raccolgono una parte delle migliaia di oggetti, documenti, filmati, che costituiscono il patrimonio storico dell'azienda.

C'è, per esempio, la macchina tostatrice originaria, quella “colpevole” di riempire l'aria della Città Murata – il centro storico del capoluogo lariano – e di attirare a sé i clienti, quasi fosse una sirena di Ulisse. Macchina tostatrice che ancora oggi molti comaschi, per lo meno quelli “diversamente giovani”, ricordano con amore. Un segno, anche, del posto che la Caffè Milani occupa nel cuore dei locali. E quello del rapporto con il cliente è un altro punto forte della strategia aziendale: sempre e comunque, al Servizio del Cliente.

Storia dell'azienda, ma prima ancora storia del caffè: ecco cosa il visitatore può trovare in questa Esposizione. E narrare la storia del caffè significa tracciarne il percorso che l'ha portato a essere la prima bevanda al mondo, le tappe che ne hanno marcato la storia e l'evoluzione, ma anche il ruolo sociale ed economico, per i paesi produttori, per le famiglie che lavorano nei campi. Ecco, dunque, che sono in mostra decine di esemplari di macchine per il caffè, da quelle che ricordano gli alambicchi degli alchimisti medievali alle supertecnologiche macchine di oggi, passando per le storiche macchine napoletane, per il caffè turco, per quello americano.

C'è anche un modello antesignano delle “moderne” sveglie che fanno il caffè: solo che questa risale al primo dopoguerra. C'è anche, a far bella mostra di sé, il primissimo modello di macchine per il caffè da bar, quella da cui discendono tutte le macchine per l'espresso all'italiana che oggi tutto il mondo riconosce un marchio del made in Italy. E poi, centinaia di tazzine, ognuna con il suo stile, il suo colore, la sua forma, ma tutte indistintamente con una caratteristica: il caffè si beve in una tazza piccola, bianca all'interno, con una forma panciuta che consente di apprezzarne appieno l'aroma ed il gusto.

Accanto a questi pezzi, alcuni anche di grande valore economico, oltre che storico, c'è un'altra parte, un'altra storia. È quella che narra il significato e il ruolo del caffè come fattore di lavoro e di produzione di reddito: per le famiglie, per le donne in modo particolare. Perché la raccolta delle preziose bacche da cui si ricavano i chicchi che si trasformeranno in caffè è lavoro tradizionalmente femminile: le loro mani, più delicate, la loro sensibilità, le rendono più adatte degli uomini a questo delicato compito. La raccolta si effettua ancora a mano, e occorre scegliere bacca dopo bacca, raggiungendo anche quelle più lontane e nascoste, e le donne sono decisamente più brave.

Storia e racconti, reperti e documenti: tutto questo è l'Esposizione Caffè Milani, un luogo consigliato per chiunque ami il caffè, ma anche per chi voglia avventurarsi nel racconto della bevanda più popolare al mondo e del made in Italy.