Tutto pronto per la sesta edizione di Bottiglie Aperte, 8 e 9 ottobre. In degustazione centinaia di etichette, oltre a convegni e masterclass sul vino

Nel panorama milanese è in breve tempo diventato un appuntamento da non mancare per tutti gli appassionati di vino. Stiamo parlando di Bottiglie Aperte che è giunta alla sesta edizione. Domenica 8 e lunedì 9 ottobre, a Palazzo delle Stelline a Milano, sarà possibile degustare i vini di oltre 100 produttori provenienti da tutta Italia.

Due giorni per girare l’Italia del vino senza muoversi da Milano

Bottiglie Aperte, però, non è solo una degustazione di vino, ma è una due giorni di approfondimento su tutto quello che ruota attorno al mondo della bevanda di Bacco. In un convegno dedicato, domenica 9, si parlerà del cambiamento climatico in atto che negli ultimi anni ha profondamente segnato la viticoltura italiana e non solo, basti pensare che oggi la vite è coltivata nel Sud del Regno Unito dove producono spumanti. Lunedì, invece, si parlerà invece di vino e finanza: chi sta investendo, e perché lo fa, nel mondo vinicolo internazionale e nel nostro Paese.

Dopo tante parole ci sarà spazio anche per le degustazione e le masterclass. Saranno momenti per pochi dove esperti faranno conoscere da vicino un vino, una cantina, un territorio. Eventi nell’evento che testimoniano come ci sia molta gente che vuole approfondire il mondo del vino. Nelle sale e nel chiostro coperto del Palazzo delle Stelline i visitatori potranno scoprire oltre 100 produttori presenti e degustare centinaia di etichette, provando tutte le tipologie di vino, dai passiti agli spumanti, dai rossi da invecchiamento ai rosati, da quelli da tutto pasto a quelli da meditazione.

«Bottiglie Aperte – ha dichiarato Federico Gordini, ideatore e fondatore della manifestazione – cresce anche quest'anno. Oltre al numero e alla qualità delle aziende presenti, il dato di grande rilievo è l'aumento delle masterclass di degustazione, dedicate ad alcuni dei più straordinari vini e territori Italiani guidate da una squadra di esperti del settore. In grande crescita anche i workshop che testimoniano la grande attenzione della manifestazione per le più attuali tematiche del vino. Grande attesa per il convegno di apertura sul cambiamento climatico, un tema di grande importanza per le situazioni estreme verificatesi in questa annata. Come pure di notevole interesse saranno gli incontri dedicati all’imprenditoria e al rapporto tra vino e finanza».

Anche quest’anno tornano i premi di Bottiglie Aperte. Se un locale ha un carta dei vini interessante, presentata bene, con etichette di qualità e magari presenta verticali e annate storiche può ambire a vincere il Wine List Award. La seconda categoria di premi, Wine Style Award, è dedicata alle cantine che stanno comunicando meglio i propri prodotti e il proprio mondo. Sono due premi che vogliono spingere ulteriormente il mondo del vino a comunicare nel miglior modo possibile, sfruttando tutti gli strumenti che oggi sono a disposizione.

Appuntamento dunque per il 8 e 9 ottobre a Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 61 a Milano, per una due giorni interamente dedicata al vino. Il programma completo è sul sito della manifestazione. Per entrare a Bottiglie Aperte è necessario acquistare un biglietto, dal costo di 40 euro, o un abbonamento ai due giorni a 65 euro. L’ingresso per gli operatori è gratuito previa registrazione. I tappi stanno per saltare, munitevi di bicchiere e buona degustazione.